I veri „eroi“ palestinesi: i terroristi

0
Kundgebung in Gaza-Stadt mit Yahya Sinwar, Führer der Hamas im Gazastreifen am 24. Mai 2021. Foto Majdi Fathi/TPS
Kundgebung in Gaza-Stadt mit Yahya Sinwar, Führer der Hamas im Gazastreifen am 24. Mai 2021. Foto Majdi Fathi/TPS
Lesezeit: 6 Minuten

Mentre molti media internazionali hanno concentrato la loro attenzione sulla fuga di sei detenuti palestinesi da una prigione israeliana, avvenuta il 6 settembre, nonché sulla conseguente drammatica caccia all’uomo lanciata da migliaia di poliziotti e soldati israeliani, solo pochi, se non nessuno, hanno parlato della continua glorificazione dei terroristi da parte della leadership dell’Autorità Palestinese (AP).

L’esaltazione dei terroristi palestinesi da parte dell’AP compresi quelli che sono stati catturati dalle forze di sicurezza israeliane, processati e che stanno attualmente scontando pene detentive, non è nuova. Si tratta infatti di una pratica che risale ai primi anni della fondazione dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), avvenuta nel 1964.

Da allora, l’OLP non solo ha elogiato i terroristi palestinesi che uccidono o feriscono gli ebrei, ma ha anche pagato stipendi mensili a loro e alle loro famiglie.

All’inizio di quest’anno, Palestine Media Watch (PMW) ha rivelato che l’AP ha pagato più di 512 milioni di NIS (175 milioni di dollari) in stipendi ai prigionieri terroristi nel 2020. PMW ha valutato

che l’importo pagato ai prigionieri terroristi rappresenta quasi il 3,25 per cento del bilancio annuale dell’AP.

Secondo PMW, l’AP ha tentato di nascondere i pagamenti ai prigionieri terroristi trasferendo più di un miliardo di shekel all’OLP, di cui 512 milioni di shekel sono stati utilizzati per pagare i terroristi e le loro famiglie.

L’AP e i suoi leader hanno mai cercato di nasconder questa politica finalizzata a fornire aiuti finanziari ai terroristi e alle loro famiglie. Al contrario: il presidente dell’AP Mahmoud Abbas, il primo ministro Mohammed Shtayyeh e molti alti funzionari palestinesi continuano a vantarsi del loro ruolo nel ricompensare i terroristi e le loro famiglie.

Nel 2018, un provocatorio Abbas ha detto a Ramallah durante una cerimonia per onorare i prigionieri palestinesi:

"Non ridurremo né impediremo [il pagamento] delle indennità alle famiglie dei martiri, dei prigionieri e dei prigionieri rilasciati, come alcuni chiedono, e se ci fosse rimasto solo un solo centesimo, lo pagheremmo alle famiglie dei martiri e dei prigionieri. Dal nostro punto di vista, i martiri e i prigionieri sono stelle nel firmamento della lotta del popolo palestinese, e hanno la priorità in ogni questione. Nel 1965, pochi giorni dopo lo scoppio della rivoluzione palestinese, la prima missione intrapresa dal defunto presidente martire Yasser Arafat doveva stabilire un'istituzione per prendersi cura delle famiglie dei martiri e dei mujaheddin della Palestina, perché sono i pionieri e devono essere curati, e noi ci prenderemo cura di loro".

La recente fuga e ricattura dei sei prigionieri è servita a ricordare il continuo sostegno e l’ammirazione mostrati dall’Autorità Palestinese nei confronti dei terroristi che compiono attacchi contro gli ebrei.

Secondo Abbas e la leadership dell’AP, qualsiasi palestinese che si unisce al jihad (guerra santa) contro Israele e gli ebrei e viene ucciso, ferito o imprigionato è un „eroe“ e un „combattente per la libertà“. Questa è la stessa PA con cui l’amministrazione Biden sta ora lavorando per rafforzarla.

Questo approccio da parte della leadership dell’Autorità Palestinese ha inviato un messaggio, passato di generazione in generazione tra i palestinesi, ossia che l’omicidio o il ferimento di un ebreo è un atto nobile che fa guadagnare il rispetto illimitato al responsabile, persino l’adorazione.

Sebbene cinque dei terroristi fuggiti appartengano alla Jihad islamica palestinese (PIJ) sostenuta dall’Iran – un gruppo che vuole l’eliminazione di Israele e si oppone alla politica „moderata“ della leadership dell’AP nei confronti di Israele – Abbas e i suoi alti funzionari in Cisgiordania continuano a definirli „eroi“ e „prigionieri coraggiosi“.

Sebbene quattro dei terroristi del PIJ siano stati condannati per l’omicidio e il ferimento di diversi ebrei, Abbas e i suoi rappresentanti continuano a definirli „prigionieri politici“ e „combattenti per la libertà“ che vengono tenuti in prigione solo perché „si oppongono all’occupazione israeliana“.

Abbas ha preso l’abitudine di accogliere e onorare i terroristi condannati e sospetti dopo il loro rilascio dalle carceri israeliane.

Solo due mesi fa, Abbas ha sfidato le regole del COVID-19 ed era pronto a rischiare la sua salute invitando un ex detenuto, Alghadanfar Abu Atwan, nel suo ufficio a Ramallah.

Abu Atwan è stato invitato nell’ufficio poco dopo essere uscito da un carcere israeliano dove si trovava con l’accusa di coinvolgimento in attività terroristiche anti-israeliane, la cui natura non è stata rivelata dai servizi di sicurezza israeliani.

Durante l’incontro, Abbas ha affermato che prigioniero rilasciato „rappresenta un modello per i giovani palestinesi di cui siamo orgogliosi“.

Tali incontri tra Abbas e i prigionieri palestinesi sono comuni e mirano a inviare un messaggio alla popolazione palestinese sulla grande stima che i palestinesi nutrono nei confronti dei terroristi e delle loro famiglie. Abbas in realtà sta dicendo ai palestinesi: se andate in prigione per aver ucciso o ferito un ebreo, guadagnerete il massimo rispetto e sarete anche onorati dal presidente stesso.

Mentre era in corso la caccia all’uomo per i sei fuggitivi, Abbas ha inviato il suo portavoce, Nabil Abu Rudaineh, a trasmettere il seguente messaggio ai palestinesi, agli israeliani e al resto del mondo: „I nostri coraggiosi prigionieri nelle carceri israeliane sono gli eroi del popolo, e non ci sarà pace o stabilità senza il rilascio di tutti i nostri prigionieri“.

Mahmoud al-Aloul, il vicepresidente della fazione al potere Fatah (guidata da Mahmoud Abbas), ha perfino messo in guardia Israele dal tentativo di catturare nuovamente i terroristi condannati, che ha salutato come „eroi“. Secondo al-Aloul, il nuovo arresto dei terroristi evasi dalla prigione israeliana di Gilboa equivarrebbe a un „crimine“ e a una „violazione“ dei loro diritti.

Questo è il teatro dell’assurdo, dove un alto funzionario palestinese condanna Israele per aver cercato di ricatturare i terroristi condannati che hanno ucciso e ferito diversi ebrei e stanno scontando lunghe condanne. Israele, secondo questo funzionario, dovrebbe farsi da parte mentre i terroristi evadono dalla prigione e tornano a uccidere gli ebrei.

L’OLP, che è anche guidata da Abbas, mentre era in corso la caccia all’uomo ha dichiarato che i prigionieri terroristi sono „l’avanguardia avanzata e la migliore gioventù palestinese perché hanno sacrificato le loro vite per il bene della loro patria e del loro popolo“.

È questo tipo di retorica che spinge i palestinesi ad unirsi al jihad contro Israele e ad intraprendere missioni per attaccare gli ebrei. È anche questo tipo di retorica che ha fatto scendere in piazza migliaia di palestinesi a esprimere solidarietà ai fuggitivi e a tutti i terroristi detenuti nelle carceri israeliane.

Le dichiarazioni e le azioni di Abbas e di altri leader palestinesi all’indomani della fuga dei sei terroristi dimostrano chiaramente come i palestinesi abbiano trasformato assassini e teppisti in modelli sociali.

Quello che Abbas, l’OLP e Fatah hanno detto – in arabo – negli ultimi giorni sui terroristi mostra la visione dell’amministrazione Biden sul rilancio del processo di pace israelo-palestinese per quello che realmente è: un fantasma fatale.

Per i palestinesi, i veri „eroi“ sono quelli che si trovano nelle carceri israeliane per aver compiuto attacchi terroristici contro gli ebrei.

Elogiando i terroristi e dipingendoli come „eroi“ e „martiri“, la leadership palestinese sta approvando coloro che praticano la violenza, desiderano l’eliminazione di Israele e rifiutano qualsiasi processo di pace in Medio Oriente. In tali circostanze, come potrebbe Abbas – o qualsiasi leader palestinese – tornare al tavolo dei negoziati con Israele, indipendentemente da quante centinaia di milioni di dollari l’amministrazione Biden decide di sprecare con le parole inutili dei palestinesi.

Bassam Tawil è un musulmano che vive e lavora in Medio Oriente.

Kommentar verfassen

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.