La protesta dei ritardatari contro la cultura dell’annullamento e l’esperienza ebraica

0
Foto Markus Winkler / Unsplash.com
Foto Markus Winkler / Unsplash.com
Lesezeit: 8 Minuten

Negli ultimi anni il termine “cancel culture” è diventato sempre più accettato nel dibattito pubblico. Significa ritirare il sostegno o boicottare persone o aziende perché hanno fatto o detto qualcosa considerato da altri discutibile. Nell’ambito della crescente polarizzazione nelle società occidentali questa tendenza è destinata ad aumentare nei prossimi anni.

Analisi di Manfred Gerstenfeld

Recentemente sono emersi alcuni esempi. La popolarità della cultura dell’annullamento ha portato a una lettera contro di essa da parte di oltre 150 scrittori e intellettuali pubblicata su Harper’s Magazine. Molti firmatari sono americani. Ciò che sorprende di più è la loro eterogeneità. In questa lista sono inclusi ad esempio il filosofo Francis Fukuyama, l’accademico antiamericano e ebreo odiatore di se stesso, Noam Chomsky, J.K. Rowling famosa per Harry Potter, la scrittrice canadese Margaret Atwood, l’ex leader del partito liberale canadese, Michael Ignatieff, e la leader femminista veterana Gloria Steinem. Salman Rushdie, un romanziere britannico-indiano, è un firmatario degno di nota. È stato vittima di una cultura dell’annullamento veramente estrema. Nel 1989, l’allora leader spirituale dell’Iran, l’ayatollah Ruhollah Khomeini, condannò pubblicamente il suo libro “I versetti satanici.” Il teologo ha emesso una fatwa che ha offerto una ricompensa a chiunque volesse uccidere Rushdie. La lettera su Harper’s parla contro il “clima intollerante che si è diffuso da tutte le parti” e “la più diffusa cultura della censura”. Gli esempi forniti sono “un’intolleranza per i punti di vista contrari, una moda per mettere qualcuno in imbarazzo in pubblico e l’ostracismo, la tendenza a risolvere complesse questioni politiche in un’abbagliante certezza morale”.

Per qualcuno che abbia familiarità con la storia dell’antisemitismo, questa lettera è un segno di un risveglio molto tardivo dei firmatari. Gli ebrei hanno sperimentato non solo l’egemonia fisica da parte di altri, ma anche l’egemonia culturale per molti secoli. Quest’ultima rifletteva la cultura dell’annullamento anche quando l’espressione non esisteva. L’antisemitismo fa parte della cultura cristiana da più di 1500 anni. L’importante padre della Chiesa, Agostino di Ippona in Nord Africa, che visse durante il V secolo, disse che era un bene che gli ebrei sopravvissero perché ciò avrebbe dimostrato quanto fossero inferiori ai cristiani. Ciò quindi confermò la superiorità del cristianesimo. Decenni prima che il nazismo diventasse dominante in Germania, gli ebrei non erano ammessi in certe posizioni lì e in molti altri Paesi europei. Attualmente, con l’antisemitismo che si manifesta prevalentemente nella sua terza forma, cioè l’anti-israelismo, ci sono stati molti tentativi in ​​tutto il mondo di boicottare Israele. Molto prima che la cultura dell’annullamento diventasse un termine linguistico ben noto, era iniziato un grande boicottaggio arabo. Già nel 1922 un boicottaggio delle imprese ebraiche in Palestina fu deciso durante la riunione del quinto congresso arabo a Nablus. Un appello simile fu fatto dal Primo Congresso delle donne arabe palestinesi nell’ottobre 1929. Altri boicottaggi arabi seguirono negli anni ’30. Dopo la creazione di Israele, il grande boicottaggio arabo ha preso di mira non solo Israele, ma anche governi, società e organizzazioni straniere con determinati legami con Israele. I firmatari della lettera di Harper sono arrivati ​​in ritardo nella migliore delle ipotesi. È un ulteriore esempio del fatto che gli ebrei sono i primi ad essere colpiti, ma normalmente non gli ultimi.
 
Nel 2007 ho curato un libro intitolato „Accademici contro Israele e gli ebrei“. La prefazione è stata scritta dall’ex ministro israeliano Natan Sharansky. Basta scorrere il suo testo per trovare esempi di ciò che oggi chiameremmo cancellazione della cultura, che prende di mira gli ebrei. Lui scrisse: “Quando ero ministro ho visitato molte dozzine di campus universitari all’estero per conoscere in prima persona la diffamazione nei confronti di Israele e la discriminazione contro coloro che lo sostengono nel mondo accademico, nonché per incoraggiare la resistenza degli attivisti”. Sharansky ha proseguito: “Alla Harvard Business School (tanto per citarne una per tutte) una studentessa mi ha detto che se avesse firmato la lettera aperta contro il disinvestimento da Israele, ad alcuni dei suoi professori non sarebbe piaciuta e che questo avrebbe influenzato i suoi voti”. Ha aggiunto: „Sono una brava studentessa in procinto di completare la mia tesi. Questi professori potrebbero considerare la mia posizione filo-israeliana al momento di darmi il voto, il che a sua volta potrebbe influenzare la mia carriera. È meglio per me aspettare e solo dopo parlare a favore di Israele. “ Sharansky ha concluso: “In un campus canadese, uno studente mi ha detto: ‘In passato, quando ero attivo per Israele, sono stato spesso criticato e ho perso molti amici. Ora promuovo l’agricoltura ecologica e tutti mi amano.’ Ho sentito questo tipo di osservazioni più e più volte in diversi campus nei Paesi occidentali. Mi hanno ricordato il governo comunista. Siamo stati chiamati gli ebrei del silenzio perché non dovevamo esprimere le nostre opinioni, eppure alcune persone coraggiose si sono espresse. È molto preoccupante vedere che alcuni nel mondo libero si offrono volontari per essere ebrei del silenzio „. Sharansky ha concluso: “Attraverso incontri come questi ho visto come funziona il sistema. I nemici di Israele nel campus sono così potenti perché sentono che il mondo progressista, i media e le forze intellettuali li supportano. Non sono interessati alla verità e possono diffondere bugie perché pochi li sfidano o addirittura controllano ciò che dicono „. I fatti sulla cultura dell’annullamento contro il pensiero filo-israeliano nelle università, sono stati ben noti negli ultimi anni. In tutte le università di Paesi come Stati Uniti, Canada e Gran Bretagna, ma anche altrove, sono fiorite le cancellazioni della cultura contro Israele e le molestie nei confronti degli studenti filo-israeliani. Questo è un segno della degenerazione diffusa degli accademici, in particolare nei settori delle scienze umane e sociali. Questa cultura dell’annullamento non aveva mai coinvolto abbastanza i firmatari di Harper perché vi si opponessero durante tutti quegli anni. Solo adesso, trovandosi a rischio, hanno iniziato a fare rumore. I firmatari della lettera scrivono: “Ora fin troppo spesso si sentono richieste di punizione rapida e severa in risposta alle trasgressioni percepite di parola e pensiero“.
 
Dal mio libro sopra citato, si possono notare ulteriori esempi di cultura della cancellazione anti-israeliana. Eccone alcuni. Un’accademia particolarmente famigerata, già all’inizio del secolo, era la Concordia University di Montreal. Il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu avrebbe dovuto parlare lì il 9 settembre del 2002. I manifestanti erano così violenti che la scorta di Netanyahu decise di non portarlo all’università. Nel 2002, nel Regno Unito, Mona Baker, una professoressa egiziana di studi sulla traduzione all’Università UMIST di Manchester, ha licenziato due accademici israeliani dai comitati editoriali di due riviste di traduzione che lei e suo marito possiedono e pubblicano. Ha affermato che i due israeliani sarebbero potuti rimanere nel comitato se avessero lasciato Israele e interrotto tutti i legami con esso. Un’altra variante estrema della cultura dell’annullamento descritta nel mio libro è avvenuta nei Paesi Bassi. Il professor Pieter van der Horst, un gentile, è uno studioso di fama internazionale specializzato in studi paleocristiani ed ebraici. Il 16 giugno del 2006, stava concludendo il suo insegnamento accademico all’università di Utrecht con una lezione di addio sul tema “I miti del cannibalismo ebraico”. Nel suo discorso ha tracciato un percorso che va dal classico antisemitismo greco precristiano vecchio più di due millenni alla diffamazione popolare antiebraica del sangue, nel mondo arabo. Il giorno in cui ha tenuto la conferenza, il settimanale ebraico olandese NIW ha affermato che il suo testo era stato severamente censurato dal rettore dell’università. Van der Horst ha successivamente aggiunto particolari su questo aspetto in un articolo intitolato „Tying Down Academic Freedom“ sul Wall Street Journal. Il Rettore Magnifico dell’Università di Utrecht, un farmacologo, lo aveva convocato a comparire davanti a un comitato che comprendeva altri tre professori. Van der Horst ha scritto che il comitato e il rettore gli hanno detto insieme ad altri che la sua conferenza ha danneggiato la capacità dell’università di costruire ponti tra musulmani e non musulmani. Il comitato ha anche affermato che il livello accademico della conferenza di Van der Horst era scarso. Questa era un’affermazione bizzarra poiché era un membro dell’Accademia reale olandese, l’élite assoluta della borsa di studio olandese. In seguito, la sua conferenza senza censura è stata pubblicata come un libro. Era un testo ben concepito.
 
Quello che Van der Horst aveva voluto dire prima dell’azione di censura del rettore dell’università era del tutto vero. Se tutte le lezioni dell’Università di Utrecht fossero state allo stesso livello, questa istituzione accademica avrebbe potuto essere orgogliosa. Nell’ultimo paragrafo della lettera di Harper si legge: „Come scrittori abbiamo bisogno di una cultura che ci lasci spazio per la sperimentazione, l’assunzione di rischi e persino di errori“. Questa affermazione è una storia vecchia per i difensori di Israele nel gran numero di università dove sono apparse espressioni, spesso importanti, di cancellazione della cultura. Alla luce dell’esperienza ebraica in questo secolo, la lettera di Harper è un testo innocuo senza conclusioni pratiche. Se i firmatari della lettera avessero riflettuto più a fondo sulla questione di cui stavano scrivendo, avrebbero potuto giungere a una conclusione operativa. Il testo del Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti nella sua forma attuale è obsoleto. Dovrebbe essere riformulato per rendere punibili l’incitamento e i discorsi di odio, come nel caso di molti altri Paesi. Quindi, ad esempio, il principale antisemita americano, Louis Farrakhan, sarebbe in prigione piuttosto che essere lusingato e citato da un gran numero di persone a cui non importa il suo discorso di odio estremo. Se quell’emendamento fosse cambiato, la vita potrebbe anche diventare un po’ più comoda per i firmatari della lettera dell’Harper.
 
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs. Prima pubblicazione in italiano a cura di Informazione Corretta. Traduzione di Yehudit Weisz.

Kommentar verfassen

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.