Palästinenser Fahne an der Demonstration gegen Polizeigewalt und Rassismus. Paris 13. Juni 2020. Foto Amaury Cornu / Hans Lucas / imago images
Palästinenser Fahne an der Demonstration gegen Polizeigewalt und Rassismus. Paris 13. Juni 2020. Foto Amaury Cornu / Hans Lucas / imago images
Lesezeit: 6 Minuten

In Germania diverse manifestazioni contro le restrizioni alla libertà dovute alla pandemia di Coronavirus includevano anche episodi antisemiti. L’infiltrazione di odio ebraico correlata a nulla di ebraico o israeliano è stata un evento frequente nelle proteste di massa occidentali negli ultimi decenni. Ora, è emerso un esempio ancora peggiore di questo fenomeno: l’espressione violenta di antisemitismo durante le proteste contro il razzismo negli Stati Uniti, dopo l’assassinio di George Floyd da parte di un poliziotto a Minneapolis.

Analisi di Manfred Gerstenfeld

Molte di queste manifestazioni sono state accompagnate da incendi e saccheggi. Alcune delle peggiori violenze sono esplose a Los Angeles: nel distretto di Fairfax sono stati distrutti diversi negozi Kosher e di Judaica. Diverse istituzioni ebraiche sono state danneggiate, tra cui le sinagoghe e una scuola. Una statua di Raoul Wallenberg è stata imbrattata con slogan antisemiti. I rivoltosi hanno distrutto le finestre della Congregazione Riformata, Beit Ahaba, a Richmond, in Virginia. Attaccare le sinagoghe è un atto di antisemitismo.

Diversi commentatori hanno evidenziato questi aspetti dell’antisemitismo nelle suddette manifestazioni. Sul quotidiano britannico Telegraph, Zoe Strimpel ha scritto: “Eppure, accanto a coloro che protestano pacificamente, ci sono quelli che saccheggiano in modo criminale, in nome della giustizia sociale. Alcuni di questi lo fanno in nome dell’antirazzismo – come si è visto sopra – e altri in nome dell’antifascismo. I capibanda degli antifascisti appartengono al gruppo ripugnante degli AntiFa… Mentre AntiFa va ben oltre gli ebrei, sembra che le persone che pretendono di essere“ antifasciste o antirazziste “ prima o poi inizino a comportarsi come il più basso dei criminali e dei bulli, usando una causa, come scusa per atti di vandalismo e distruzione … È paradossale che dove c’è AntiFa c’è antisemitismo. ” Melanie Phillips ha sottolineato lo strano atteggiamento di molte organizzazioni ebraiche. Ha scritto che in una dichiarazione del Consiglio ebraico per gli Affari Pubblici, 130 organizzazioni hanno dichiarato di essere „indignate per l’uccisione di Floyd, di aver espresso ‘solidarietà’ con la comunità nera e di aver chiesto ‘di porre fine al razzismo sistemico’”. Phillips ha osservato: “Loro non protestano contro gli attacchi mirati specificatamente a sinagoghe e a negozi di ebrei”. Phillips ha definito il Black Lives Matter un “movimento di odio anti-bianchi, anti-capitalisti e anti-ebrei „.

Il movimento American Black Lives Matter mira a rimediare ai torti perpetrati contro i cittadini afroamericani nel passato e nel presente. Il suo manifesto di 40.000 parole accusa Israele di aver perpetrato un genocidio contro i palestinesi, identifica Israele come uno „stato di apartheid“ e si unisce al movimento BDS chiedendo il totale boicottaggio accademico, culturale ed economico del Paese. Non sono state fatte richieste simili per nessun altro Stato. In un blog dell’Organizzazione Sionista d’America, anche Daniel Greenfield ha affrontato l’atteggiamento delle organizzazioni ebraiche scrivendo: “Si potrebbe pensare che l’odioso vandalismo contro otto istituzioni ebraiche e una folla che urla insulti dopo aver messo a soqquadro delle attività commerciali ebraiche, avrebbe generato una sorta di risposta significativa. Ma quello sarebbe il punto di vista ottimistico di persone che non hanno sperimentato il livello di assoluta codardia e arrendevolezza che coinvolge la vita istituzionale ebraica, praticamente ad ogni livello.” Anche i palestinesi e i pro-palestinesi hanno approfittato delle sommosse.

A.J. Caschetta ha scritto: “Quando George Floyd fu ucciso … – lunedì 25 maggio – era inevitabile che la sua morte fosse manipolata dal movimento BDS. Il giorno successivo, il „gruppo di lavoro“ sulla solidarietà tra BDS e Palestina dei Socialisti Democratici d’America, ha twittato che ‘la violenza della polizia che sta avvenendo stanotte a Minneapolis è copiata direttamente dal manuale dell’IDF … I poliziotti statunitensi si allenano in Israele’.” Il Guardian ha pubblicato un articolo del suo corrispondente Oliver Holmes con il titolo ‘Palestinian Lives Matter’. „La polizia israeliana che uccide un uomo autistico trova una corrispondenza negli Stati Uniti“. L’articolo faceva riferimento all’uccisione di un palestinese disarmato da parte della polizia israeliana che lo aveva considerato erroneamente un terrorista. Ciò ha portato alle scuse da parte del Ministro della Difesa israeliano. Questa tragedia è stata pretestuosamente segnalata da attivisti palestinesi, israeliani e statunitensi come esempio di ciò che sostengono sia pura indifferenza per le vite di palestinesi e di neri, simile in Israele e negli Stati Uniti. “ Adam Levick su Camera ha così reagito: „Holmes va oltre la semplice osservazione dei due incidenti, facendo avanzare narrazioni comuni tra antisionisti e antisemiti, che suggeriscono che il conflitto israelo-palestinese è uno scontro tra i“ bianchi „razzisti (israeliani) e persone di colore oppresse.” Levick ha aggiunto che Holmes cita il giornalista israeliano, Gideon Levy, e lo definisce una delle voci anti-occupazione più importanti del Paese. Levick commenta: „Tuttavia, Levy non è semplicemente una voce “anti-occupazione”. È un anti-sionista che ha fortemente sostenuto che il sionismo è un’impresa intrinsecamente razzista – retorica considerata antisemita secondo la definizione operativa dell’ IHRA. Cioè, Levy è un ebreo israeliano usato da pubblicazioni di estrema sinistra come il Guardian, per legittimare opinioni odiose sullo Stato ebraico „. Micha Danzic ha scritto sul Jewish Journal: „Immediatamente dopo la morte atroce di George Floyd, abbiamo visto immagini terribili postate sui social media anti-israeliani che cercavano di collegare Israele alla sua morte. Alcuni erano dei veri e propri falsi – come un’immagine pubblicata di un ufficiale di polizia cileno con il ginocchio sul collo di qualcuno – ma con una didascalia che lo etichettava come un soldato israeliano. Altri erano sotto forma di vignette che raffiguravano un soldato che ha sul braccio una stella di David, onnipresente, con il ginocchio sul collo di un arabo con kefiah, proprio accanto all’immagine di uno sbirro come Derek Chauvin [il poliziotto che ha ucciso Floyd] con il ginocchio sul collo di un afroamericano. ” Il Museo Palestinese di Woodbridge, nel Connecticut, ha pubblicato un disegno dell’artista palestinese, Waleed Ayyoub, per onorare il ricordo di George Floyd ed esprimere la solidarietà palestinese con la comunità afroamericana nella loro lotta contro il razzismo e l’ingiustizia. Floyd è raffigurato con una kefiah sullo sfondo costituito dalla bandiera palestinese. Anche in passato l’uccisione di una persona di colore da parte della polizia americana era stata sfruttata da provocatori neri anti-Israele.

A.J Caschetta scrive che il parallelo tra neri americani e palestinesi fu introdotto quando „Ferguson nel Missouri divenne l’innesco per manifestazioni anti-polizia. Le rivolte scoppiarono dopo che l’agente di polizia di Ferguson, Darren Wilson, uccise l’afro-americano Michael Brown. Dopo la morte di Brown, il sito web ufficiale del movimento di boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele (BDS) aveva rilasciato una dichiarazione che esprimeva „profonda solidarietà con la comunità afroamericana a Ferguson, MO“. Nel 2016, la professoressa universitaria, provocatrice anti-israeliana e attivista nera americana militante, Angela Davis, aveva usato l’omicidio di Michael Brown per lo stesso scopo. Ha pubblicato un libro di discorsi e interviste. Sebbene la maggior parte del libro affronti altri argomenti, lo ha intitolato: ‘La libertà è una Lotta Continua: Ferguson, Palestina e le basi di un Movimento’. L’attuale grande dibattito e le manifestazioni anti-razziste rappresentano una sfida per le organizzazioni ebraiche. Devono seguire una linea sottile che corre tra l’identificazione con la lotta della comunità nera contro il razzismo – finché è pacifico – e l’esposizione dell’antisemitismo del movimento Black Lives Matter.

Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs. Prima pubblicazione in italiano a cura di Informazione Corretta. Traduzione di Yehudit Weisz.

Kommentar verfassen

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.