L’universo oscuro dell’antisemitismo è in espansione

0
Kundgebung von Islamisten in Sydney. Foto Jamie Kennedy - http://www.flickr.com/photos/49283475@N00/7991807923/in/set-72157631548624094/, CC BY 2.0, Wikimedia Commons.
Lesezeit: 6 Minuten

Nella battaglia globale contro l’antisemitismo, è essenziale una definizione di questo odio: ecco il motivo per cui un certo numero di Paesi, città, università e altre istituzioni in Europa hanno accettato per uso interno, la definizione non legale dell’attività della IHRA (International Holocaust Remembrance Alliance). Il testo era stato approvato nel 2016 dal Consiglio di Amministrazione dell’IHRA, composto dai rappresentanti di 34 Paesi: in maggior parte sono membri dell’UE; altri includono Stati Uniti, Canada e Australia. La definizione doveva essere approvata all’unanimità per essere accettata. Il documento di definizione IHRA include 11 esempi di antisemitismo, molti dei quali riguardano Israele. Tuttavia, sarebbe utile una definizione speciale per la voce anti-israelismo. Nessuna definizione, inclusa quella dell’IHRA – anche se i promotori avevano aggiunto molti altri esempi – riesce a coprire la moltitudine di aspetti che contengono o toccano elementi di antisemitismo. Questo è in parte il prodotto dell’era postmoderna in cui viviamo. Molte questioni sono frammentarie e l’antisemitismo è una di queste. Esiste un universo vasto e oscuro di problemi concernenti l’antisemitismo, al di là della definizione IHRA .

Analisi di Manfred Gerstenfeld

Prima della Seconda Guerra Mondiale, nella classica versione di antisemitismo religioso, nazionalistico o etnico, molti di essi non esistevano. Grande rilievo è stato dato all’antisemitismo istituzionale del Partito Laburista britannico, diventato di pubblico dominio nel settembre 2015, dopo l’elezione di Jeremy Corbyn a Presidente del partito. Egli ha assunto atteggiamenti antisemiti in numerose occasioni, ma la definizione IHRA non è sufficiente a identificarli tutti. Non comprende, ad esempio, l’accoglienza che Corbyn ha offerto ai rappresentanti dei movimenti islamici genocidi di Hamas e di Hezbollah nella Camera dei Comuni. Né comprende l’aver definito come suoi „amici“ e „fratelli“ i rappresentanti di quelle organizzazioni terroristiche estreme anti-israeliane. La definizione IHRA non copre il sostegno, anche finanziario, di Corbyn nei confronti di una organizzazione negazionista della Shoah o la sua volontà di apparire su un podio a fianco di un altro distorsore della Shoah. Un’altra figura nell’universo dell’antisemitismo, seppure meno palese e inequivocabile, è Bernie Sanders, un contendente di spicco per la nomina presidenziale democratica degli Stati Uniti (ed è pure un ebreo). Quando Sanders parla dei palestinesi, fa riferimento alla loro dignità.
 
Ci si chiede quale sia la dignità di quei palestinesi che, nelle loro elezioni parlamentari democratiche del 2006, avevano dato la maggioranza ad Hamas, il quale afferma apertamente che la sua missione è uccidere ebrei in massa. Ma Sanders non affronta tali questioni, parla invece liberamente del „governo razzista“ e del „Primo Ministro razzista“ in Israele. L’accostamento di queste affermazioni mostra l’affinità di Sanders con gli estremisti antisemiti palestinesi. Prima della Seconda Guerra Mondiale, gli antisemiti non avevano motivo di nascondere il loro antisemitismo, poiché era un odio diffuso in tutti gli strati della società in Europa. Oggi l’antisemitismo esplicito non è più politicamente corretto nella società occidentale tradizionale. Quindi, la cortina fumogena – cioè essere un antisemita ma far finta di non esserlo – è diventata più produttiva. Un antisemita può persino affermare falsamente di essere un „amico di Israele“. Questo tipo di modello può essere riconosciuto nelle dichiarazioni su Israele fatte da Sigmar Gabriel, ex Ministro degli Esteri tedesco nonché leader del Partito Socialista. Una questione cruciale che complica la comprensione dell’antisemitismo contemporaneo è che il principale tipo di antisemitismo nel mondo occidentale è mutato. Durante l’ascesa e il dominio dei nazisti, molti odiatori di ebrei erano antisemiti a tempo pieno. Questo non era solo il caso dei tedeschi. Anche il Primo Ministro della guerra norvegese Vidkun Quisling, per esempio, faceva parte di quella categoria.Oggi, la maggior parte degli antisemiti lo sono part-time.  Un antisemita part-time può fare anche solo una delle principali osservazioni antisemite senza esprimerla direttamente. Prendiamo ad esempio l’ambasciatore tedesco presso l’ONU, Conrad Heusgen. Nel marzo del 2019, nel dare spiegazioni per uno dei tanti voti anti-Israele del suo Paese, alle Nazioni Unite aveva rilasciato una dichiarazione moralmente ripugnante: “Crediamo che il diritto internazionale sia il modo migliore per proteggere i civili e consentire loro di vivere in pace e sicurezza e senza paura dei bulldozer israeliani o dei razzi di Hamas „.
 
Il più grande quotidiano tedesco, Bild, ha scritto una risposta all’equazione di Heusgen dove i razzi palestinesi sono paragonati ai bulldozer israeliani. Diceva: „Questa equivalenza è pura malizia. In particolar modo in una settimana in cui la popolazione israeliana doveva spesso fuggire dai missili lanciati dai terroristi di Hamas. I bulldozer sono invece una misura che il governo israeliano prende contro un edificio illegale, che riguarda principalmente insediamenti palestinesi, ma anche israeliani“. Il Centro Simon Wiesenthal ha incluso la dichiarazione dell’ONU di Heusgen nella sua lista del 2019 riguardante i maggiori casi di antisemitismo del mondo. Poiché l’antisemitismo non è più politicamente corretto sono cresciuti esponenzialmente il negazionismo, il whitewashing e la minimizzazione dell’antisemitismo. Il Partito Laburista britannico ne è un ottimo esempio, poiché è pieno di whitewashers dell’antisemitismo. Nel marzo del 2018, un sondaggio tra membri laburisti retribuiti, ha rilevato che il 47% ritiene che l’antisemitismo sia un problema, ma pensa che l’entità del problema sia stata esagerata „per danneggiare il Labour e Jeremy Corbyn o soffocare le critiche a Israele“. Un ulteriore 31% afferma che l’antisemitismo non è un problema serio. Il 61% pensava che Corbyn stesse gestendo bene le accuse di antisemitismo. Sono state sviluppate molte tecniche di whitewhashing. Si trovano persino insabbiamenti di casi estremi e palesi di antisemitismo. I carri allegorici nazisti al carnevale nella città belga di Aalst nel febbraio 2020 ne sono un esempio. Louis Farrakhan è il principale antisemita americano. Molte delle sue dichiarazioni sugli ebrei corrispondono alla definizione dell’IHRA. Chiama gli ebrei „termiti“ e „avvelenatori“. Ora, come si dovrebbero chiamare le persone che vogliono stare in sua compagnia? Essere fotografato intenzionalmente con un antisemita così importante è un atto antisemita? Probabilmente no, ma è in una zona oscura nell’universo dell’antisemitismo. Lo fece Barack Obama nel 2005 prima di annunciare che sarebbe stato candidato alla Presidenza. Più tardi riuscì a occultare la fotografia per un certo numero di anni. Si avvicinarono a Farrakhan anche altri membri democratici del Congresso, nonché personaggi di spicco della Marcia delle donne (che avevano defenestrato i fondatori ebrei del movimento per consolidare la loro posizione di leader). Affermare che gli stessi ebrei sono la causa dell’antisemitismo è stato un fattore chiave nelle origini storiche di questo odio. Quando i cristiani hanno brutalizzato gli ebrei, hanno affermato che la loro sofferenza risultante era una punizione divina per il loro non riconoscimento di Gesù. Questo motivo di colpa ebraica, ritorna in molte versioni.
 
Sawsan Chebli, Segretario di Stato socialista per gli Affari Federali a Berlino, ha twittato un giorno dopo il memoriale di quest’anno in occasione dell’anniversario della liberazione di Auschwitz: “Certo, quello che è successo prima di allora è triste. Ma quando si tratta del ritorno dell’odio, gli ebrei non sono del tutto innocenti. Guarda la politica d’insediamento, l’annessione … “ Lo sento molto spesso, non da tedeschi musulmani, arabi o rifugiati, ma dai tedeschi tout court“. Lo Spettatore di Berlino ha riferito che Burkard Dregger, leader della CDU alla Camera dei Rappresentanti di Berlino, ha accusato la Chebli di diffondere l’antisemitismo classico e di incolpare gli ebrei per le loro sofferenze passate. In un’altra occasione Chebli si era dichiarata contro l’antisemitismo e aveva persino ricevuto un premio per questo. È rappresentante di una forma ambivalente di antisemitismo. Ci sono molti altri esempi che appartengono all’universo oscuro dell’antisemitismo. Nuovi personaggi emergono continuamente in quello che è un universo in continua espansione.
 
Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs. Prima pubblicazione in italiano a cura di Informazione Corretta. Traduzione di Yehudit Weisz.

Kommentar verfassen

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.