Quando leggi e istituzioni internazionali proteggono il terrorismo

0
11
Foto UN Photo/Loey Felipe
Foto UN Photo/Loey Felipe
Lesezeit: 4 Minuten

Israele sembra avere crescenti difficoltà nel combattere la guerra asimmetrica di Hamas. Ad esempio l’uso dei palloncini lanciati da Gaza che producono incendi in Israele e spesso trasportano anche esplosivi. In più Hamas usa strutture ospedaliere e ambulanze per scopi militari. È difficile per Israele attaccare senza violare la legge sui diritti umani. Così Hamas usa scudi umani per i suoi attacchi terroristici senza dover mai risponderne. Seguendo il diritto internazionale umanitario, Israele combatte con un braccio dietro la schiena contro, malgrado  il progetto genocida delle organizzazioni terroristiche palestinesi.

 

Commento di Manfred Gerstenfeld

Protetto dal diritto internazionale umanitario, Hamas può rendere ancora più pericolose le tecniche della sua guerra asimmetrica, oltrepassando ogni limite. Nel corso degli anni una falsa attitudine umanitaria si è impadronita di tutte le organizzazioni per i diritti umani. Un primo passo per Israele verso il cambiamento delle politiche nella lotta alla guerra asimmetrica deve essere un’analisi profonda e una esposizione dettagliata delle istituzioni che si occupano di diritti umani.

In cima alla lista di quelli classificati come ‘cattivi’ dovrebbe esserci il Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite (UNHRC). Molti dei suoi stati membri sono dittature. Hillel Neuer, direttore esecutivo di UN Watch, ha affermato: „Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, che si trova a Ginevra, prende posizione quotidianamente contro Israele, l’unico paese specificamente preso di mira ad ogni riunione. Nemmeno i principali violatori dei diritti umani come Cina, Cuba, Pakistan, Arabia Saudita, Sudan, Siria o Zimbabwe sono sottoposti a un tale trattamento. „Il governo israeliano, i media israeliani e gli amici di Israele dovrebbero iniziare a chiamare questo organismo l’UNHRD – Nazioni Unite Distorsori di Diritti. Se ciò verrà fatto in modo costante, questa espressione diventerà di uso comune.

Le aberrazioni in merito alle critiche a Israele di una delle più grandi organizzazioni per i diritti umani, Human Rights Watch (HRW) sono molto diffuse. Persino il suo fondatore, Robert L. Bernstein, orma passato a miglior vita,scrisse sul Washington Post: „I gruppi per i diritti umani sono diventati involontariamente complici delle Nazioni Unite, così come quasi tutti i principali gruppi per i diritti umani ignorano l’incitamento all’odio e al genocidio, non solo contro Israele, ma contro tutti gli ebrei „. Bernstein osservò più specificamente:“ Human Rights Watch, che ho fondato 33 anni fa, continua ad attaccare molte delle misure difensive di Israele durante le guerre, ma tace sull’ incitamento all’odio e incitamento al genocidio „.

ONG Monitor, che segue gli attacchi a Israele e agli ebrei da parte di organizzazioni per i diritti umani, ha elencato anche esempi di antisemitismo di un’altra importante organizzazione internazionale per i diritti umani, Amnesty International.
La Conferenza mondiale dell’ONU contro il razzismo del 2001 a Durban, in Sud Africa, è stata un esempio internazionale di un raduno dell’odio anti israeliano sponsorizzato dall’ONU.

Edwin Black ha ampiamente informato sul finanziamento della Fondazione Ford a gruppi e associazioni anti-israeliani. Ha citato la donazione di oltre 1 milione di dollari al Comitato palestinese per la protezione dei diritti umani e dell’ambiente(LAW), che è stato un organismo chiave del campagna di odio antisemita a Durban.
Black riferisce che Olanda e il Granducato del Lussemburgo sono stati importanti finanziatori di LAW. Questa ONG fu poi accusata di corruzione e di malversazione del denaro ricevuto dai donatori, fino alla sua chiusura alcuni anni dopo.

Ciò che è vero per le ONG dei diritti umani è valido anche per lo stravolgimento del diritto internazionale dei diritti umani da parte di tribunali e avvocati.
l’avvocato Meir Rosenne, ex ambasciatore israeliano negli Stati Uniti e in Francia, ha affermato: „Esistono due tipi di diritto internazionale. Uno è applicato a Israele, l’altro a tutti gli altri stati. Ciò emerge chiaramente quando si guarda al modo in cui Israele viene trattato“

Come esempio, Rosenne ha citato il giudizio della Corte internazionale di Giustizia del 2004 sulla barriera di sicurezza israeliana. „Nel suo giudizio la corte dell’Aja ha deciso che il diritto intrinseco all’autodifesa è applicato solo se uno si confronta con uno stato”. Se ciò fosse vero, ciò significherebbe che qualunque cosa gli Stati Uniti intraprendano contro Al-Qaeda è illegale. Questo non può essere considerato una autodifesa ai sensi dell’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite perché Al-Qaeda non è uno stato „.

Un esempio estremo della stretta relazione tra una organizzazione per i diritti umani che opera contro Israele e lo stravolgimento del diritto internazionale da parte di strutture legali è stata la Commissione Goldstone. L’UNHRC diede a questa commissione un mandato parziale per indagare sulle azioni di Israele, ma non sui terroristi di Hamas. Accettando questo incarico, Goldstone e i membri della commissione hanno rappresentato tutto ciò che gli avvocati internazionali non dovrebbero mai fare propri. La sua rettifica anni dopo, molto parziale delle conclusioni della commissione, non cancella il danno compiuto.
L’ex ministro della giustizia canadese, Irwin Cotler, ha definito la missione di Goldstone “ totalmente contaminata“. Il professore di diritto a Harvard, Alan Dershowitz, ha intitolato il suo saggio di 50 pagine: „Contro il rapporto Goldstone, uno studio sui pregiudizi„.

Considerata la falsa immagine inventata delle organizzazioni per i diritti umani e dalle strutture legali internazionali, Israele è in prima linea nel denunciare gli abusi diffusi in tutto il mondo, non avendo altra scelta di fronte agli attacchi che subisce, per garantire i propri bisogni strategici di difesa.

Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs. Prima pubblicazione in italiano a cura di Informazione Corretta. Traduzione di Angelo Pezzana.

Kommentar verfassen

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.