Antizionistische Karikatur aus der sowjetischen Zeitschrift, Krokodil, 1972. Foto zVg
Antizionistische Karikatur aus der sowjetischen Zeitschrift, Krokodil, 1972. Foto zVg

Il 25 aprile, l’edizione internazionale del New York Times ha pubblicato una vignetta raffigurante il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il primo ministro israeliano Binyamin Netanyahu. Alcune delle sue caratteristiche antisemite sono state commentate poi sullo stesso NYT dall’editorialista Brett Stephens. Un aspetto della caricatura che merita una discussione molto più ampia è la disumanizzazione di Netanyahu presentato come un cane.

 

Analisi di Manfred Gerstenfeld

Questa „animalizzazione“ – o „zoomorfismo“ – è un motivo antisemita diffuso e antico applicato sia verbalmente che visivamente. Nella sua forma più estrema, gli ebrei sono raffigurati come ancora a un livello più inferiore degli animali. I nazisti li chiamavano „microbi“ o semplicemente “parassiti”. La disumanizzazione serviva come strumento di propaganda per la futura campagna di sterminio genocida. Il libro nazista più estremo, Der Stürmer, pubblicò un fumetto raffigurante un nazista che spruzzava un albero coperto di parassiti. La didascalia recitava: „Quando i parassiti saranno morti, la quercia tedesca prospererà ancora come un tempo“. Questa raffigurazione degli ebrei è stata adottata dal più fanatico antisemita americano, Louis Farrakhan, che chiama gli ebrei „termiti“. Il maggiore esperto mondiale di caricature antisemite è lo studioso belga Joël Kotek, il quale racconta come nell’antisemitismo zoomorfo gli ebrei sono stati tradizionalmente disegnati come animali o insetti: „Nelle caricature naziste, sovietiche e rumene, l’ebreo è spesso raffigurato come un ragno, percepito come un insetto malvagio. [Il fumettista] Stavro nel Daily Star [libanese] ritrasse per esempio Ehud Barak con una stella di David sul petto come un ragno che combatte il processo di pace. ” Kotek ricorda: „Altri due motivi zoomorfi predominanti sono il vampiro assetato di sangue e il polipo. L’immagine del vampiro è un tema classico usato dagli antisemiti. Non ho trovato altre persone oltre agli ebrei rappresentati in questo modo. Questo progetto di preparazione del genocidio ha origine nell’immaginazione cristiana degli ebrei „.

L’abuso contemporaneo più diffuso oggi di ritrarre gli ebrei come animali si verifica in alcune parti del mondo musulmano. Chiamare scimmie e maiali gli ebrei è un motivo ricorrente. Viene anche usato da importanti predicatori religiosi. In un sermone settimanale nell’aprile 2002, Al-Azhar Sheikh Muhammad Sayyid Tantawi, il religioso più importante nel mondo musulmano sunnita, ha definito gli ebrei „i nemici di Allah, discendenti da scimmie e maiali“. In uno dei suoi sermoni, lo sceicco saudita Abd Al-Rahman Al-Sudayyis, imam e predicatore della moschea di Al-Haraam – la moschea più importante della Mecca – ha supplicato Allah di annientare gli ebrei. Ha anche esortato gli arabi a rinunciare alle iniziative di pace con loro perché sono „la feccia della razza umana, i topi del mondo, i violatori di patti e accordi, gli assassini dei profeti e la progenie delle scimmie e dei maiali.“

 

In un altro sermone, Al-Sudayyis chiama gli ebrei contemporanei „progenie malvagia, infedeli, mentitori, adoratori di vitelli, profeti-assassini, negatori della profezia … la feccia della razza umana“ che Allah ha maledetto e trasformato in scimmie e maiali … ‚“ In un sermone dell’agosto 2001, lo sceicco Ibrahim Madhi, funzionario dell’Autorità palestinese e imam della moschea di Sheikh Ijlin, la principale moschea di Gaza, ha dichiarato: „Le lance devono essere dirette contro gli ebrei, i nemici di Allah, la nazione maledetta nel Corano. Allah li ha descritti come scimmie e maiali, adoratori di vitelli, idolatri … “ Negli attacchi contro Israele al confine con Gaza iniziati nel marzo 2018, un imam ha pronunciato un sermone in cui ha affermato che la „terra benedetta“ veniva „calpestata dai maledetti discendenti di scimmie e maiali, i resti del colonialismo brutale, selvaggio e barbaro. “ Il sermone è stato trasmesso dalla TV di Al-Aqsa di Hamas. Anche i leader politici arabi usano le scimmie e i maiali per la disumanizzazione onde attaccare gli ebrei. L’ex presidente egiziano Mohammed Morsi ha dichiarato: „O [accetti] i sionisti e tutto ciò che vogliono, oppure è guerra“. Ha poi aggiunto: „Questo è ciò che sanno questi occupanti la terra di Palestina, succhiasangue che attaccano i palestinesi, guerrafondai discendenti di scimmie e maiali“. Hassan Nasrallah, capo di Hezbollah, ha affermato in uno dei suoi discorsi „… Riaffermiamo lo slogan della lotta contro il Grande Satana e diciamo, come tutti gli anni:“ Morte all’America, agli assassini dei profeti, ai nipoti delle scimmie e dei maiali, gridiamo: … „Morte a Israele … „. La disumanizzazione degli ebrei ha permeato le società arabe. Ne deriva che i cittadini comuni, dopo aver seguito i sermoni dei loro leader, considerano anche loro gli ebrei scimmie e maiali.

Un esempio molto citato riguarda una bambina musulmana di 3 anni e mezzo, intervistata nel 2002 dalla televisione satellitare saudita/egiziana Iqraa. Dopo aver risposto a una domanda, in cui diceva che non le piacevano gli ebrei, l’intervistatore le chiese perché. Lei rispose che gli ebrei erano scimmie e maiali. Interrogata ulteriormente su chi glielo avesse detto, rispose che Dio lo aveva detto nel Corano. Ci sono molti esempi che rivelano come queste idee demonizzanti sono state portate nel mondo occidentale da migranti musulmani. Tempo fa ho intervistato un giovane intellettuale olandese che chiamerò con lo pseudonimo Samar. All’insaputa dei suoi colleghi musulmani aveva segretamente abbandonato la sua religione. Samar mi disse di aver incontrato circa 150 studenti musulmani durante il suo lavoro all’università. „Questi studenti credono anche che i musulmani siano superiori alle altre persone – così mi hanno detto – in particolare, guardano con disprezzo gli ebrei. Credono che gli ebrei discendano dalle scimmie e dai maiali. Ciò è sottolineato in particolare da coloro che l’hanno appreso dal Corano. Non ritengono che gli ebrei ‘si trasformino in scimmie durante la luna piena’, piuttosto, li ritengono non completamente umani. Queste opinioni vengono diffuse sulle stazioni televisive arabe „. Mohammed al-Khaled Samha è un imam in una moschea gestita dalla Società Islamica in Danimarca (Islamisk Trossamfund) nel sobborgo Odense di Vollsmose. Insieme a un gruppo di imam si recò in Medio Oriente per provocare sentimenti anti-danesi all’indomani della pubblicazione sul quotidiano Jyllands-Posten della serie di vignette su Maometto. In un sermone, ha detto: „Come possiamo noi – o qualsiasi musulmano libero e con la fede nel suo cuore – accettare la divisione della Palestina tra [i palestinesi] e una banda di ebrei, la progenie delle scimmie e dei maiali?“ Diversi imam canadesi hanno anche definito gli ebrei „scimmie e maiali“. Nel 2014, Mostafa Saad Hannout, un imam della moschea di Masjid di Toronto, ha pubblicato sulla sua pagina Facebook: „O Allah, [mostra] la tua gentilezza verso i nostri fratelli di Gaza, o Allah, dai loro la vittoria sul tuo e loro nemico, o Allah, distruggi i discendenti delle scimmie e dei maiali „. Con la sua vignetta, il New York Times ha disumanizzato Netanyahu. Tuttavia, per quanto ignobile, è stato un fatto occasionale, mentre la „animalizzazione“ degli ebrei in molti ambienti musulmani, incluso il mondo occidentale, è un evento ricorrente. È un’ulteriore prova del fatto che l’antisemitismo musulmano più estremo è più diffuso oggi dell’antisemitismo occidentale tradizionale.

Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs. Prima pubblicazione in italiano a cura di Informazione Corretta. Traduzione di Angelo Pezzana.

Diesen Beitrag teilen
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •