Symbolbild. Foto ReDoc - Research & Documentation / Youtube
Symbolbild. Foto ReDoc - Research & Documentation / Youtube
Lesezeit: 5 Minuten

La politica ufficiale del governo tedesco dovrebbe consistere nel combattere l’antisemitismo. Un esempio tra tanti è garantire i servizi di sicurezza per le istituzioni ebraiche, come la nomina di un commissario che si occupi a livello nazionale di antisemitismo. Anche la politica estera della Germania è amichevole nei confronti di Israele: regolarmente ministri tedeschi visitano Israele per discutere le possibilità di collaborazione con le loro controparti israeliane. 
Vi sono però altri aspetti che – direttamente o indirettamente – promuovono antisemitismo e atti ostili contro Israele, che richiedono una analisi. 

 

Analisi di Manfred Gerstenfeld

Per quanto riguarda la promozione dell’antisemitismo, dal 2015 il governo tedesco ha accolto, senza alcuna selezione, immigrati provenienti da paesi musulmani. Centinaia di migliaia di questi immigrati sono antisemiti. Uno studio in Baviera ha rilevato che oltre il 50% degli immigrati iracheni, siriani e afgani concorda con la affermazione „Gli ebrei hanno troppa influenza nel mondo“. I tedeschi che condividono sono compresi tra il 15% e il 25%.

Una nazione che ha sterminato 6 milioni di ebrei non dovrebbe accogliere ulteriori antisemiti nel proprio paese. Giustificarlo con ragioni umanitarie non cambia la realtà dei fatti. Un importante esempio di partecipazione della Germania al costante incitamento contro Israele è il suo voto all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il quotidiano tedesco Bild ha scritto che negli ultimi anni l’Assemblea Generale ha votato più di 500 risoluzioni contro Israele e non una sola contro il gruppo terroristico palestinese Hamas. Bild ha fornito alcuni esempi per il periodo 2014-2017. Nel 2014, di tutte le risoluzioni dirette contro un paese specifico, l’87% era contro Israele. Nel 2016, erano il 77%. Nel 2017, il 78%.

Nel Consiglio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite, oltre metà delle risoluzioni sono contro Israele. Il giornale ha sottolineato che la Germania si schiera regolarmente con i nemici di Israele. Nel novembre 2018, di 21 risoluzioni dell’Assemblea Generale contro Israele, 16 sono state sostenute dalla Germania, 4 sono state le astensioni.

Nel precedente governo, il leader del partito socialista, il ministro degli esteri Sigmar Gabriel, accusava frequentemente Israele, con l’accusa di essere uno Stato di apartheid. Ci sono voluti diversi mesi prima che si scusasse.

Quando ha parlato a Tel Aviv nel gennaio 2018, ha dichiarato falsamente di essere un amico di Israele. Ha aggiunto che il suo paese ha un impegno particolare per la sicurezza di Israele, tutto questo mentre era nello stesso tempo responsabile di un enorme numero di votazioni contro Israele nelle Nazioni Unite, minacciandone la sicurezza.

Nell’attuale governo, il ministro degli Esteri Heiko Maas, anche lui socialista, ha spesso affermato che Auschwitz lo ha spinto a entrare in politica. Tuttavia, il suo ministero continua a sostenere la demonizzazione di Israele alle Nazioni Unite.

I voti tedeschi contro Israele nel novembre 2018 hanno seguito le sue direttive.
Con Maas c’è stato anche un maggiore sostegno tedesco all’UNRWA dopo che gli Stati Uniti si sono ritirati.

Il rabbino Abraham Cooper, decano associato del Simon Wiesenthal Center ha affermato:

In seguito alla decisione degli Stati Uniti di non finanziare più l’Agenzia Onu che lava il cervello ai bambini sulle molte“ virtù „del martirio, il Segretario di Stato tedesco Heiko Maas ha annunciato un aumento „sostanziale“ dei fondi dal suo paese all’UNRWA. Con 100 milioni di euro in aiuti, la Germania rimane uno dei suoi maggiori benefattori. Contribuire a un futuro migliore dei palestinesi è giusto e importante. Ma i finanziamenti dell’UNRWA sostengono il terrorismo di Hamas e dell’Anp. Nessuno a Berlino potrebbe assicurarmi che i soldi tedeschi non li hanno beneficiato direttamente „.

A febbraio, sotto la responsabilità di Maas, il ministero degli Esteri tedesco ha anche inviato suoi rappresentanti all’ambasciata della Repubblica islamica dell’Iran a Berlino in occasione della celebrazione del 40 ° anniversario della rivoluzione. Nonostante il fatto che l’Iran richieda sempre la distruzione di Israele.

„Ancora peggio  Il presidente tedesco Frank-Walter Steinmeier, anch’egli socialista, „si congratula cordialmente con il governo iraniano in occasione del 40 ° anniversario della rivoluzione, anche in nome dei miei concittadini“.

Il quotidiano Tagesspiegel si chiedeva se non era necessario ricordare a Steinmeier che l’Iran è uno sponsor del terrorismo internazionale, minaccia Israele di distruzione, nega la Shoah, opprime le donne, uccide gli omosessuali e punisce con la morte le conversioni religiose „. Ha poi concluso:“ La bussola morale che dovrebbe guidare le parole di un presidente della Repubblica tedesca ha in questo caso fallito totalmente. Per rendere ancora più visibili le congratulazioni al governo iraniano, quando nel novembre 2016 Donald Trump è stato eletto presidente degli Stati Uniti, Steinmeier, allora ministro degli Esteri, aveva dichiarato esplicitamente di non volersi congratulare con lui.

Il partito liberale (FDP) – attualmente all’opposizione – ha chiesto al governo tedesco di cambiare politica. Uno dei suoi parlamentari, Frank Muller-Rosentritt, ha dichiarato che in un anno vengono votate 21 risoluzioni contro Israele mentre contro la Siria una soltanto, una „sproporzione,che dimostra come i nemici di Israele strumentalizzano l’Onu per delegittimare lo Stato ebraico“.

L’assistenza diretta e indiretta agli antisemiti e agli anti-israeliani non solo ha luogo a livello nazionale, ma anche a livello di stati federali. Le statistiche sui crimini antisemiti sono di loro competenza. Il commissario nazionale sull’ antisemitismo, Felix Klein, ha dichiarato che tutte le statistiche pubblicate su questo argomento sono fuorvianti e che intende affrontare questa mistificazione. Gli autori dei numerosi crimini contro gli ebrei non possono essere tutti identificati e registrati in quanto estremisti di destra.

Klein ha sottolineato che il cambiamento necessario potrebbe essere raggiunto solo convincendo i ministri degli interni degli stati federali a modificare il modo in cui vengono stabilite le statistiche.

Ha affermato che gli attacchi fisici agli ebrei da parte dei musulmani sono molto più numerosi di quelli registrati. Le istituzioni ebraiche hanno spesso dichiarato come numerosi episodi antisemiti causati da musulmani siano raramente inseriti nelle statistiche. Non pubblicare correttamente chi sono gli autori, è un aiuto che viene dato agli antisemiti.

Quanto viene pubblicato nei libri scolastici è di responsabilità dei singoli governi federali. Un recente studio di due professori tedeschi, Samuel Salzborn e Alexander Kurth, ha indagato sull’antisemitismo nelle scuole tedesche. Hanno scoperto che, rispetto ai libri di testo, Israele viene spesso presentato in modo negativo mentre i palestinesi solo in modo positivo nei vari campi della geografia, storia e politica.

Hanno concluso che Israele è citato solo in base al conflitto con i palestinesi. Le azioni e le reazioni militari israeliane al terrorismo palestinese sono spesso presentate attribuendone la responsabilità a Israele.

Questi sono alcuni esempi tra molti. Considerando l’orribile passato della Germania e il presente problematico, dovrebbe essere condotto uno studio approfondito su come i governi locali e lo stesso stato tedesco promuovono direttamente e indirettamente l’antisemitismo e l’anti-israelismo. Fin tanto che questo approccio bifronte della Germania non sarà descritto chiaramente.

Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs. Prima pubblicazione in italiano a cura di Informazione Corretta. Traduzione di Angelo Pezzana.

Kommentar verfassen

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.