Foto PD
Foto PD
Lesezeit: 4 Minuten

„Mi piacerebbe essere un’ebrea normale come sono una donna normale” Un’altra citazione è più realistica: „Non è permesso mettere radici qui, ma ci si può creare un nido“. Entrambe sono citazioni di ebrei tedeschi sul loro paese. Sono stati intervistati per una indagine dalla sociologa Julia Bernstein della Frankfurt Applied Sciences University.

 

Analisi di Manfred Gerstenfeld

Lo studio è diviso in due parti, Jewish Perspectives on Antisemitism in Germany, è stato pubblicato dall’Università di Bielefeld che ha una lunga tradizioni di studi sull’antisemitismo e altre discriminazioni.

Il rapporto contiene molte valutazioni lontane dalla realtà quotidiana in cui vivono gli ebrei tedeschi. Ne enumereremo alcune.

Per la sua analisi Bernstein ha intervistato ebrei che vivono in Germania per nascita, oppure in Russia o Israele, nonché assistenti sociali ed esperti. Bernstein riporta come l’antisemitismo nel paese è aumentato dal 2014. Inoltre, la natura dell’antisemitismo è cambiata in quanto si esprime all’interno della società tedesca in modo più aperto includendo una varietà di gruppi.
L’antisemitismo contro Israele viene mascherato da critiche apparentemente legittime è molto diffuso. Alcuni esperti hanno notato che le accuse espresse pubblicamente come „ebrei al gas“ erano impensabili una decina di anni fa. Tutti gli ebrei intervistati temono l’aumento dell’antisemitismo dovuto alla propaganda estremista islamica e all’immigrazione. Vengono citati anche altri gruppi, in particolare la classe media istruita.

In breve, l’antisemitismo tedesco negli ultimi anni si è normalizzato all’interno del mainstreamdel paese. Di conseguenza, la maggior parte degli ebrei intervistati è estremamente attenta a non mostrare in pubblico segni esteriori di identità ebraica.

Tutti gli intervistati hanno anche menzionato la distorsione dei media quale causa dell’antisemitismo anti-israeliano.

Le espressioni „ebreo“, „identità ebraica“ e „presenza ebraica in Germania“ non sono considerate espressioni neutrali. Ciò mette in pericolo la partecipazione ebraica nella società e la sua appartenenza, nonché la comunicazione tra ebrei e non ebrei.

In altre parole, gli intervistati avvertono che questa situazione mette a repentaglio la normalità della vita ebraica.

Ad esempio il dover giustificare le osservanze religiose come la kashrut, lo Shabbat e la circoncisione. È importante per la maggior parte poter parlare apertamente delle proprie origini e identità senza essere costretti a praticare le tradizioni ebraiche „di nascosto”. La maggior parte degli intervistati è preoccupata del fatto che non sono sufficientemente protetti da attacchi antisemiti né è sicura del proprio futuro in Germania.

Se l’antisemitismo dovesse aumentare ulteriormente, non escluderebbero l’emigrazione.
I bambini di alcuni intervistati si sono già trasferiti in Israele. Quelli che sono riconoscibili come ebrei subiscono con frequenza attacchi quasi quotidiani, spesso commessi da musulmani. Un altro tema menzionato è la paura di certi comportamenti che potrebbero sottolineare stereotipi degli antisemiti tra i non ebrei.

Un’altra osservazione importante è che l’ostilità verso gli stranieri e l’antisemitismo sono spesso collegati. La presenza dell’antisemitismo nelle scuole è uno dei temi principali dello studio di Bernstein. Le forme dirette aggressive di espressioni antisemite di odio provengono principalmente dagli alunni. L’espressione ‚ebreo di merda‘ è solo una di queste. Bernstein menziona anche alcune esperienze estreme. Un testimone racconta di aver invitato il reporter di un rispettabile quotidiano tedesco per un Seder di Pesach: „A un certo punto mi ha chiesto in tono convinto:“ Dimmi, per favore, questi punti rosso scuro sul pane azzimo, sono il sangue dei bambini cristiani? Gli ho chiesto di andarsene.“ Un altro estremo è l’incapacità di vedere un ebreo come un individuo normale. Una donna racconta di un tedesco che ha fermato la sua macchina, gridando che ama gli ebrei. Ha poi spiegato: „Avevamo paura e volevamo scappare, era chiaro che voleva abbracciarci“.

Molte sono le proposte degli intervistati per migliorare la situazione e rafforzare la lotta contro l’antisemitismo, molte possono essere parzialmente efficaci se vengono portati a termine. La prima parte dello studio di Andreas Zick, Andreas Hövermann e Silke Jensen dell’Università di Bielefeld è più tradizionale.

Durante la primavera 2016, 553 ebrei sono stati invitati a compilare un questionario on-line. Ciò ha portato a risultati che sono spesso simili con quelli del recente importante studio sull’antisemitismo in dodici paesi dell’UE da parte dell’Agenzia dei Diritti Fondamentali (FRA). Nell’introduzione del nuovo rapporto, gli autori affermano che l’antisemitismo fa parte della vita quotidiana in Germania.

Si esprime con stereotipi, ostilità generale verso gli ebrei e  l’ebraismo  e tradizionali pregiudizi insieme ad articoli e immagini nei media. Per quanto riguarda la classifica dei casi di antisemitismo, chi semina maggiormente odio sono i media, attraverso l’interpretazione distorta su Israele cui fa seguito il negazionismo della Shoah, spesso paragonata al nazismo.
Non molto differente avviene nelle manifestazioni pubbliche, nei dibattiti – ad esempio nelle scuole, sul posto di lavoro – con insulti verbali e aggressioni nei confronti degli ebrei.

L’inevitabile conclusione principale dello studio, anche se non è menzionata nel rapporto, è la non esistente normalità della vita ebraica in Germania. Per questo si può aggiungere che gli ebrei che vivono in Germania devono probabilmente rinunciare all’illusione che la loro realtà non sarà mai „normale“ come quella della maggioranza dei cittadini.

Manfred Gerstenfeld è stato insignito del “Lifetime Achievement Award” dal Journal for the Study of Antisemitism, e dall’ International Leadership Award dal Simon Wiesenthal Center. Ha diretto per 12 anni il Jerusalem Center for Public Affairs. Prima pubblicazione in italiano a cura di Informazione Corretta. Traduzione di Angelo Pezzana.

Diesen Beitrag teilen
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Kommentar verfassen

Diese Website verwendet Akismet, um Spam zu reduzieren. Erfahre mehr darüber, wie deine Kommentardaten verarbeitet werden.